ELEZIONI PRESIDENTE PROVINCIALE DI CHIETI - Candidatura alla carica di Presidente Sig. DI TRANI DOMENICO

Stampa
Categoria: Circolari e Comunicati
Data pubblicazione

Programma candidatura carica Presidente Provinciale AIAC

Ho ritenuto opportuno scrivervi queste righe per spiegarvi i motivi della mia seconda candidatura alla carica di Presidente Provinciale dell'AIAC di Chieti.
Il mio impegno da allenatore nasce sui campi di calcio dove ho potuto, nella mia carriera da calciatore, difendere ed onorare i colori di quasi tutte le provincie Pugliesi e quelle Abruzzesi.

Ma è la città di Ortona che mi ha donato tanto ed è qui che ho trovato un gruppo di amici che mi
hanno dato la possibilità, la fiducia di esprimere la passione nello sport del calcio dal 1981.
Nell'2012, ho assunto il ruolo di Presidente Provinciale dell'AIAC, in questi 4 anni ho contributo ad incrementare il numero degli associati tramite anche l'uso dei social network, facendo conoscere il più possibile il mondo del calcio sotto diversi aspetti; ho trasmesso agli associati l'importanza della formazione continua, incrementando di volta in volta il numero delle adesioni, rendendo i corsi innovativi e interessanti, coinvolgendo docenti esperti e motivati, come gli eventi di Pescara, Chieti e Città S. Angelo.
Sono stati svolti 12 corsi di aggiornamento obbligatori UEFA B territoriali.
Ho presenziato a 3 CORSI ALLENATORI DI BASE - UEFA B e a N. 2 CORSI ALLENATORI DILETTANTI.
Sono intervenuto personalmente, durante le partite, nel verificare la situazione panchina, ovvero che venisse rispettata la regolarità delle posizioni dei colleghi, sia per quanto concerne i loro tesseramenti sia per i comportamenti nell'ambito dell'espletamento della loro attività.
Purtroppo, si sono verificati almeno 10 casi ripetuti nel corso di questi anni, di tecnici che hanno svolto la loro funzione senza tesserarsi e addirittura svolgendo compiti differenti in altre società.
Ho combattuto il fenomeno, sempre più sovente, del "prestanome", andando a controllare se l'identità della persona dichiarata corrispondesse a quella effettiva sul campo, nel caso contrario, ho segnalato al Presidente Regionale AIAC, l'irregolarità sopraggiunta, in quanto queste anomalie vanno combattute perché deleterie per l'immagine e la crescita del nostro mondo.
Quale sarà allora il mio impegno?
Il mio impegno sarà quello di potenziare il raccordo tra l'AIAC Regionale e la partecipazione attiva sul territorio per diffondere i dettami e gli ideali della stessa, continuando a partecipare attivamente a tutte le attività formative e associative che periodicamente contribuisco ad organizzare.
L'AIAC territoriale, in particolare quello dei gruppi provinciali, secondo la mia esperienza pregressa, deve essere intesa come un luogo dove sempre più sia possibile il confronto di idee sul ruolo dell'allenatore di calcio.
Un luogo dove ognuno, dal proprio ruolo e con la propria esperienza, può dare un contributo forte e utile per la crescita personale e collettiva di tutti i soggetti che appartengono a questo mondo, dove non solo, possono essere messi in luce le diverse problematiche che si verificano quotidianamente nei campi di gioco, ma anche quel luogo dove può essere possibile apprendere e conoscere le norme che vengono discusse e/o emanate dalle sedi nazionali.
La crescita professionale ha la possibilità di alimentarsi continuamente, organizzando convegni, incontri di confronto con i professionisti locali e i settori giovanili, tramite stage formativi per le diverse qualifiche di allenatori.
L'aggiornamento, obbligatorio e continuo, dovrà sempre abbracciare tematiche di natura diversa da quella tecnica, come quella della sicurezza degli atleti in campo e quella della corretta alimentazione che ogni sportivo è chiamato a seguire.
Il mio programma, dunque, si sintetizza nei seguenti punti:

  • Confronto e discussioni sulle varie problematiche inerenti la nostra organizzazione che arrivano dall'AIAC Nazionale;
  • Attività di incontri/confronto con tutti gli allenatori della provincia di Chieti;
  • Attività di aggiornamento Professionale da effettuarsi possibilmente nelle varie sedi della nostra provincia;
  • Attività di formazione di primo soccorso;
  • Attività di conoscenza e formazione sulla corretta alimentazione per gli atleti sportivi.

Ortona, lì 15 ottobre 2016.

In fede
Domenico DI TRANI

Friday the 20th. Powered by Angelo Maria Lupi - All Rights Reserved